Quando l’ortodermia e la tono-stimolazione diventano coadiuvanti delle terapie